https://ronchicultura.it/wp-content/uploads/2021/10/chiesetta-santa-domenica-selz-ronchi-tondo-territorio.png
IL VILLAGGIO DI SELZ GIÀ NEL 1593 AVEVA LA SUA PICCOLA CHIESA

CHIESA DI SANTA DOMENICA

È attestato che il minuscolo villaggio di Selz avesse già nel 1593 la sua piccola chiesa dedicata a Santa Domenica, quando avvenne la consacrazione della chiesa e dell’altare.

Semidistrutta dalla Prima Guerra Mondiale, la chiesa fu ricostruita con l’inizio dei lavori nel 1931 e nel 1934 consacrata.

https://ronchicultura.it/wp-content/uploads/2021/10/immagine-segnaposto.jpg
https://ronchicultura.it/wp-content/uploads/2021/10/immagine-segnaposto.jpg
https://ronchicultura.it/wp-content/uploads/2021/10/immagine-segnaposto.jpg
https://ronchicultura.it/wp-content/uploads/2021/10/immagine-segnaposto.jpg

STORIA

È attestato che il minuscolo villaggio di Selz avesse già nel 1593 la sua piccola chiesa dedicata a Santa Domenica, quando avvenne la consacrazione della chiesa e dell’altare. Nel 1736 la chiesa fu ampliata e consacrata, a causa dell’aumento della popolazione.
Semidistrutta dalla Prima Guerra Mondiale, la chiesa fu ricostruita con l’inizio dei lavori nel 1931 e nel 1934 consacrata.

ARCHITETTURA

Aveva un unico altare dedicato alla Patrona, in cui erano custodite le reliquie dei santi martiri Fulgenzio e Vereconda; inoltre, era dotata di un piccolo campanile a vela e di una sola campana.
Successivamente alla semidistruzione durante la Grande Guerra, la pianta non fu più rettangolare, ma a forma di esagono non regolare, con un piccolo presbiterio, dove è presente l’altare con la statua della Patrona. Il campaniletto fu sistemato sul lato destro del tetto, sopra la porta che comunica con la sacrestia.
La facciata, in cui è presente un rosone decorativo, è delimitata da due lesene con capitello ionico, su cui si stagliano la cornice e il frontone aggettanti. Due coppie di bifore alle pareti laterali illuminano la navata. Il simulacro di Santa Domenica è contornato da un arco marmoreo sorretto da due eleganti colonne con capitello composito.
In fondo sono stati posizionati due quadri: uno raffigurante San Michele Arcangelo e di fronte l’altro raffigurante San Rocco.

OGGI

La chiesa è stata utilizzata fino al 1966 per le funzioni religiose. Negli anni Novanta la parrocchia ha deciso di costruire la nuova chiesa di Selz, sul lato destro della vecchia chiesetta, consacrata nel 1996.

INDIRIZZO

Via Monte Cosich (fraz. Selz)

https://ronchicultura.it/wp-content/uploads/2021/06/Ronchi-cultura-logo-temp.png

Comune di Ronchi
Area Cultura
Androna Palmada 1
Ronchi dei Legionari (GO)
info@ronchicultura.it

©2021 - Ronchi Cultura - Biblioteca Comunale "Sandro Pertini" di Ronchi dei Legionari